Archivio News

29.06.2019

In vigore da lunedì 1° luglio le nuove disposizioni previste dalla Legge Regionale di riforma dell’Edilizia Residenziale Pubblica.

La riforma introduce nuovi criteri per la gestione equa e sostenibile del patrimonio di circa 41 mila alloggi E.R.P. del Veneto, di cui AGEC amministra e gestisce una parte di quelli presenti nel territorio Comune di Verona.

Le principali novità della riforma saranno tre: la prima prevede la richiesta agli assegnatari di alloggi E.R.P. di documentare la propria situazione reddituale e patrimoniale dimostrando di avere un indicatore ISEE-ERP non superiore ai 20 mila euro e di non avere altri alloggi adeguati in usufrutto o proprietà. Il secondo cambiamento riguarda invece i contratti di locazione, che avranno durata di cinque anni e saranno rinnovati, sussistendone i presupposti, mentre in precedenza erano a tempo indeterminato. Infine, gli importi dei canoni di locazione non saranno più determinati sulla base del solo reddito complessivo lordo dell’intero nucleo familiare, ma saranno di anno in anno riparametrati in base alla capacità economica degli inquilini, tenendo in considerazione sia il reddito sia la situazione patrimoniale dell’assegnatario. I nuovi canoni di locazione varieranno da un minimo di 40 euro al mese fino a un massimo corrispondente al valore del canone di mercato, basato sulle quotazioni dell’Osservatorio Mobiliare Italiano (OMI) e dell’Agenzia delle Entrate.

AGEC, in qualità di azienda speciale che amministra e gestisce immobili di proprietà del comune di Verona, è chiamata ad applicare la riforma aggiornando i contratti in essere. L’attuazione della nuova legge regionale avverrà in maniera graduale: gli inquilini degli alloggi E.R.P. che non hanno presentato la dichiarazione ISEE hanno ancora tempo per farlo e anche a chi supera i limiti reddituali (ISEE-ERP) previsti dalla legge saranno comunque concessi due anni di tempo per rientrare nei parametri previsti o per trovare un nuovo alloggio. Nel frattempo, sarà applicato loro un’indennità maggiorata sulla base dei criteri previsti dalla nuova legge.

“L’obiettivo della nuova legge regionale è garantire un alloggio a chi ne ha più bisogno – afferma l’ing. Roberto Niccolai, Presidente del Consiglio di Amministrazione di AGEC – rafforzando quindi quel principio di equità che deve stare alla base dell’edilizia residenziale pubblica. Consapevoli del grande impatto che questa riforma avrà sulle migliaia di assegnatari degli alloggi E.R.P. presenti nel comune di Verona, come azienda cittadina che ha il compito di curarne l’amministrazione e la gestione, ci impegneremo a seguire gli inquilini con maggiori possibilità economiche nel delicato passaggio al libero mercato. La nostra attenzione sarà rivolta in particolar modo a tutti quei casi interessati da fattori di fragilità sociale e ai nuclei familiari dove sono presenti persone con disabilità e anziani in età avanzata, per i quali AGEC si impegnerà a valutare e ad adottare soluzioni che garantiranno la maggior tutela possibile agli inquilini.”

Sul sito web di AGEC www.agec.it/immobiliare sarà attivato al più presto un canale diretto di comunicazione riservato agli attuali assegnatari per la richiesta di informazioni, che si aggiunge al servizio di sportello polivalente di via Anfiteatro 8 (lato Palazzo dei Diamanti, fronte piazza San Nicolò) aperto ogni lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8:30 alle 12:30. Per informazioni è possibile contattare lo sportello polivalente chiamando il centralino allo 045 8051311.